top of page

CROSTA LATTEA: DOMANDE & RISPOSTE - Tutto quello che c'è da sapere



1. Cos'è la crosta lattea?

La crosta lattea, anche conosciuta come dermatite seborroica neonatale, è una condizione comune della pelle che colpisce i neonati. Si presenta con crosticine gialle o bianche, spesso oleose, che si formano sul cuoio capelluto, sul viso o su altre parti del corpo del neonato.


3. Quanto dura?

Solitamente, la crosta lattea scompare da sola entro alcuni mesi dopo la nascita del neonato. In alcuni casi, può persistere fino all'età di un anno.


4. Quali conseguenze comporta per il neonato?

La crosta lattea di solito non causa dolore o prurito al neonato. Tuttavia, può essere fastidiosa per i genitori, che possono preoccuparsi per l'aspetto della pelle del loro bambino.


5. Si può aggravare?

La crosta lattea tende a essere più evidente quando il neonato suda molto o quando la pelle è grassa. Anche se può sembrare peggiorare in certe circostanze, in genere non è una condizione grave e tende a migliorare spontaneamente.


6. Come comportarsi a livello pratico?

Per gestire la crosta lattea, è importante lavare delicatamente il cuoio capelluto del neonato con acqua tiepida e uno shampoo delicato per neonati. Evita di grattare o staccare le crosticine, poiché potrebbe irritare la pelle e causare piccole ferite.


7. Come comportarsi a livello terapeutico con la crosta lattea?

Se la crosta lattea sembra persistere o peggiorare nonostante le cure di base, è consigliabile consultare un pediatra. Il medico potrebbe raccomandare l'uso di olii o creme idratanti specifiche per neonati per aiutare a ridurre la formazione delle croste e a mantenere la pelle del neonato morbida e idratata. Inoltre, il pediatra potrebbe consigliare di evitare l'uso di prodotti per la cura della pelle che contengono sostanze chimiche aggressive, che potrebbero irritare ulteriormente la pelle delicata del neonato.


In sintesi, la crosta lattea è una condizione comune della pelle nei neonati che di solito scompare da sola nel tempo. Con cure delicate e l'attenzione di un pediatra, è possibile gestire efficacemente questa condizione senza causare disagio al neonato.

7 visualizzazioni0 commenti

Commentaires


bottom of page